Salta al contenuto principale

The Farewell

Un film di Lulu Wang

The Farewell - Una bugia buona, film diretto da Lulu Wang, è la storia di Billi (Awkwafina), giovane donna nativa di Changchun, in Cina, ma cresciuta a New York City dopo che suoi genitori si sono trasferiti negli States. Il suo desiderio è di trovare un posto nel mondo e di affermarsi come scrittrice, ma questo sogno si rivela davvero difficile da realizzare. In Cina vive la nonna paterna, Nai-Nai (Shuzhen Zhao), che la nipote visita di rado e sente principalmente per telefono. Nonostante la distanza, però, Billi e Nai-Nai sono molto legate tra loro e, per non creare preoccupazioni l'una all'altra, spesso si raccontano piccole bugie a fin di bene. Quando la ragazza scopre che l'anziana è gravemente malata e che la prognosi ha rivelato che le restano poche settimane di vita, tutta la famiglia di Billi decide di tenere all'oscuro Nai-Nai della sua prossima dipartita per farle trascorre questi ultimi istanti serenamente. Con un piccolo stratagemma, ovvero la celebrazione di un matrimonio, tutta la famiglia si riunisce a Changchun per stare accanto alla nonna. I genitori di Billi, però, non desiderano che lei prenda parte alla festa, perché credono che la ragazza potrebbe svelare il suo segreto a Nai-Nai: Billi non segue le usanze del suo Paese, ma conduce una vita in pieno stile occidentale. Ignorando la sua famiglia, l'aspirante scrittrice vola in Cina per l'ultimo addio all'anziana e questo triste viaggio si rivelerà un'occasione per riscoprire i costumi della sua cultura e passare finalmente del tempo con l'amata nonna.

Con Zhao Shuzhen Awkwafina X Mayo Hong Lu Kong Lin Tzi Ma

Produzione: USA Cina , 2018 , 98min.

The Farewell - Una bugia buona (2019): Trailer Italiano del Film - HD

Un'aria 'familiare', il ritorno di una cultura rimossa (nelle forme di una famiglia amata) che produce un quieto terremoto e lascia dietro di sé un nuovo e fertile squilibrio. Conciliata commedia di confronto etnico, The Farewell - Una bugia buona muove dall'America verso la Cina, riscaldando il folclore in un viaggio verso le origini. La diaspora della famiglia Wang, divisa tra Stati Uniti e Giappone, rientra e stringe i suoi 'esuli' al capezzale di una nonna malata. Ed è il protocollo etico-normativo 'della cura', basato in Cina sul "principio della beneficialità" (nell'interesse del paziente in certe circostanze è meglio tacere la verità), il nodo da sciogliere di un racconto che assume in pieno il modello della commedia familiare con la circolazione sentimentale tra i personaggi e il disegno delle loro vite private.

Ed è qui che si gioca la novità, l'audacia e la singolare tenerezza di The Farewell, una commedia sorprendente non per il soggetto ma per il tono. Se lo sfondo dell'incontro-scontro tra culture è sovente il disagio, Lulu Wang sceglie la serenità risolta ma non semplificata del rapporto tra prole espatriata e matriarca 'radicata', che ha accettato il destino (straniero) dei propri figli ma non transige sulla Tradizione.

Lontano dal dramma quanto dalla parodia, The Farewell è una scelta di campo che pesca nella biografia dell'autrice e afferma un nuovo discorso. Il suo punto di osservazione e di ascolto è Billie, quello di attrazione è Nai Nai, ex combattente che chissà quante cose ha visto accadere, che ha capito quasi certamente tutto prima degli altri e prima degli altri ha accettato.