Salta al contenuto principale

Annette

Un film di Léos Carax

Annette, film diretto da Leos Carax, è la storia di una coppia, cabarettista comico lui (Adam Driver) e cantante d'opera lei (Marion Cotillard). Si sono incontrati e innamorati a Los Angeles, da quel momento non si sono più lasciati. Poco dopo l'inizio della loro relazione, i due decidono di volere un bambino ed è così che nasce la loro prima figlia, Annette, ma i genitori ignorano che la bambina ha un dono speciale. Tutto sembra filare liscio e la carriera di Ann decolla sempre più e inizia un tour internazionale, mentre a casa Henry si prende cura della piccola. Durante questo periodo Ann ha dei terribili incubi riguardati la figlia e il marito, mentre Henry inizia ad avere problemi sul palco e a risentire del successo della moglie. Sentendolo sempre più distante e affranto per la sua carriera in declino, Ann propone a Henry di prendersi una vacanza solo loro tre in yacht. Ma quello che doveva essere un momento di relax, si trasforma in una tragedia senza fine...

Con Adam Driver Marion Cotillard Simon Helberg Rebecca Dyson-Smith Devyn McDowell

Produzione: Francia USA , 2021 , 141min.

ANNETTE | Trailer Italiano Ufficiale HD

Se davvero il cinema sta morendo, divorato da ogni parte dalla proliferazione conquistatrice delle piattaforme, Annette rimanda la sua fine con un ultimo respiro maestoso.

Il respiro che Leos Carax chiede allo spettatore di prendere nell'ouverture e poi trattenere il tempo che servirà a cantare la storia d'amore di due esseri folgoranti. Regista e direttore d'orchestra della partitura sinfonica degli Sparks, Carax avvia Annette dalla registrazione della colonna sonora.

Dei suoi film, sei prodigi girati in trentasette anni di carriera, sono d'altronde i 'numeri musicali' a impressionare la retina: la corsa a perdifiato di Denis Lavant sull'aria di "Modern Love" (Rosso sangue), l'headbanging di Mireille Perrier a tempo con "Holiday in Cambodia", la promenade di Kylie Minogue sulle note di "Who We Were" e dentro una Samaritaine ancora in rovina (Holy Motors). Perché il suo cinema è nato con MTV al debutto degli anni Ottanta, quando l'immagine divorava la musica.

Non sorprende allora che a dare il 'la' alla sua opera-film siano gli Sparks. La loro canzone, "So May We Start", racconta la paura che serra la gola agli artisti prima di andare in scena. Non si sentono mai pronti ma devono andare, come gli attori e il coro di Carax, impazienti di lanciare la rappresentazione.

Nel limbo che interroga le frontiere porose tra finzione e realtà, si trasformano improvvisamente in personaggi. Un accessorio, uno sguardo, una posa e Marion Cotillard diventa Ann Desfranoux, la diva dalle mille vite, Adam Driver 'cavalca' senza filtri Henry McHenry, umorista con pulsioni distruttrici. Ma c'è poco da ridere e molto da cantare. Per loro Carax trova l'aria e un'immagine potente: una coppia allacciata sopra una moto che corre. Corre veloce dentro una notte che conduce i sentimenti al parossismo e mette al mondo una marionetta con la cicatrice sulla fronte. Quella magica di Harry Potter, quella di un trauma prodotto dal narcisismo ferito dei suoi genitori.