Salta al contenuto principale

After Love

Un film di Aleem Khan

After Love, film diretto da Aleem Khan, è ambientato a Dover, città portuale del Regno Unito, e racconta la storia di Mary Hussain (Joanna Scanlan), una donna convertitasi all'Islam, dopo aver sposato suo marito, un uomo musulmano. Quando quest'ultimo muore, però, Mary fa una scoperta eclatante: il suo matrimonio, che credeva felice e sereno, non era così in verità, perché suo marito la tradiva. L'uomo viaggiava spesso per lavoro e la meta dei suoi spostamenti era la Francia, dove vive tutt'oggi la sua amante. Rimasta sconvolta da questa scoperta, Mary decide di partire alla volta della Francia per conoscere la donna che è stata la sua rivale in amore, ma quest'incontro cambierà per sempre la vita di entrambe.

Con Joanna Scanlan Nathalie Richard Talid Ariss Nasser Memarzia Seema Morar

Produzione: Gran Bretagna , 2020 , 89min.

AFTER LOVE - Trailer IT

Impeccabile e rigoroso è il tono cinematografico di questo esordio alla regia per il britannico Aleem Khan: una storia di confronti e di avvicinamenti lungo la linea di confine tra due paesi e due mondi diversi.

Il materiale narrativo forse non avrebbe prodotto gli stessi risultati se Khan non avesse così ben sfruttato l'elemento ambientale della distanza tra le due località che si affacciano sulla Manica, un motivo ricorrente che permette sia visivamente che logisticamente di collassare il lontano sul vicino.

L'eleganza lineare del film si appoggia saggiamente sulla prova da protagonista di Joanna Scanlon, mastodontica in un ruolo che le richiede grande vulnerabilità e che le consente (grazie alla missione "sotto copertura" in cui si lancia Mary) di reagire a una sorpresa sconvolgente dopo l'altra mascherando stupore e liberando momenti di grande tenerezza. Quella tra lei e la dirimpettaia Nathalie Richard non è solo una danza tra donne rivali che hanno amato lo stesso uomo: Khan aggiunge al ritratto di base delle sfumature appena accennate ma di estremo interesse, primo fra tutti un discorso sulla fede musulmana che Mary ha abbracciato per amore del marito ma che ormai la definisce.

Ciò dà vita a una serie di esplorazioni che rimangono sottotraccia ma arricchiscono la fibra dell'opera, dal sociale (Genevieve avrebbe scambiato Mary per la donna delle pulizie con altrettanta facilità se non avesse indossato quel velo?) fino al culturale (le diversità nel linguaggio familiare e perfino nell'essere donna tra Francia e Gran Bretagna).