Salta al contenuto principale

Dio è donna e il suo nome è Petrunija

Un film di Teona Strugar Mitevska

God Exists, Her Name is Petrunya, il film diretto da Teona Strugar Mitevska, ha come protagonista la giovane la giovane Petrunya (Zorica Nusheva), single, disoccupata e costretta a vivere con i genitori. Dopo l'ennesimo colloquio di lavoro andato male, la ragazza si ritrova per caso nel mezzo di un’affollata cerimonia religiosa: una croce di legno viene lanciata nel fiume, dove decine di uomini si tuffano per fare a gara a recuperarla. Con aria di sfida, anche Petrunya si getta nel fiume, riuscendo a prendere la croce per prima, nello scandalo generale: mai a una donna era stato permesso di partecipare al rituale. Tutto il paese sembra unito nel chiederle di restituire la croce, con le buone o con le cattive, ma Petrunya è decisa a non arrendersi e a tenerla con sé a ogni costo…

Con Zorica Nusheva Labina Mitevska Stefan Vujisic Suad Begovski Simeon Moni Damevski

Produzione: Macedonia Belgio Francia , 2019 , 100min.

GOD EXISTS, HER NAME IS PETRUNYA by Teona Strugar Mitevska | Trailer | GeoMovies

God Exists, Her Name is Petrunya è il quinto lungometraggio della macedone Teona Strugar Mitevska, autrice molto amata dalla Berlinale, che negli anni ha presentato lì quasi tutti i suoi lavori.

La regista è conosciuta nell'ambiente dei festival per How I Killed a Saint, I am from Titov Veles e The Woman Who Brushed Off Her Tears. Questo è il suo lavoro migliore e più coeso, il dramma di una donna sovrappeso che si scontra con il maschilismo ancora diffuso. Prima il colloquio con il proprietario di una fabbrica tessile che non la considera adatta e la offende in più modi, poi l'episodio al centro della vicenda con le sue conseguenze.

La protagonista è invitata ripetutamente a riconsegnare la croce recuperata dalle acque e accusata di averla "rubata" in quanto donna. Portata nella stazione di polizia, e trattenuta pur senza essere arrestata, trova ogni volta l'argomento giusto per rifiutarsi. Petrunija ha buon gioco anche perché si trova in una terra di mezzo tra le leggi della Chiesa e quelle dello Stato, tra le regole e le tradizioni. Contro di lei c'è anche la forza del branco, il gruppo, dal quale emergono solo pochi volti, che aveva subito lo smacco nel fiume e cerca di rifarsi aggredendo la giovane.